L’ANDAMENTO DEI PREZZI DEI BITCOIN BUOYED BITCOIN NON VIENE VISUALIZZATO NELLE RICERCHE SU INTERNET

Per molti appassionati di Bitcoin, il fiore all’occhiello della crittovaluta è arrivato a Wall Street con aplomb.

L’acquisto di un’unità digitale di Bitcoin costa ora circa 14.500 dollari, circa il doppio rispetto all’inizio di quest’anno. Questo è anche il livello più alto dal gennaio 2018, quando la criptovaluta stava correggendo il suo picco record di quasi 20.000 dollari fissato nel mese precedente.

Molti analisti concordano sul fatto che il nuovo rally dei prezzi della Bitcoin ha a che fare con la crescente domanda degli investitori di beni rifugio. Alcuni, tra cui Bloomberg, ritengono addirittura che la criptovaluta rivisiterebbe 20.000 dollari entro la fine di quest’anno a causa dei deficit federali in aumento causati da trilioni di dollari di spese governative e dai timori di inflazione.

Le cheerleader di Bitcoin l’hanno a lungo proiettata come l’ultimo asset di copertura contro il fiat money perché ha un tetto massimo di fornitura di 21 milioni di gettoni. Con le singole aziende mainstream che hanno scelto di sostituire una parte delle loro riserve di liquidità con il Bitcoin, la narrazione si è fortemente sviluppata sui social media.

Purtroppo, lo stesso entusiasmo non appare su Google Trends.

TENDENZA SPREZZANTE

Le ultime letture sul più grande motore di ricerca online del mondo mostrano una mancanza di interesse per Bitcoin tra gli utenti di internet di tutti i giorni. Su una scala da zero a 100 su un periodo di cinque anni, il Bitcoin ottiene 9 punti. Passando il periodo a 12 mesi il punteggio sale a 63.

Al contrario, il punteggio di tendenza di Bitcoin è stato un perfetto 100 nel dicembre 2017, quando la criptovaluta stava marciando verso i 20.000 dollari. La maggior parte del suddetto sentimento aveva a che fare con la moneta iniziale, allora in piena espansione, che offriva spazio. Le startup hanno raccolto fondi operativi in BTC spacciandosi per i prossimi unicorni a catena di blocco, attirando i cittadini comuni alla ricerca di ulteriori informazioni su come acquistare Bitcoin.

Il boom si è concluso con un significativo fallimento, poiché la maggior parte di quei progetti sono falliti o si sono rivelati una truffa. Il Bitcoin è sceso dell’84 per cento rispetto ai 20.000 dollari. Lo stesso è accaduto al suo punteggio di Google Trend, che è passato da „100“ nel dicembre 2017 a „5“ nel novembre 2018.

Al contrario, l’oro rivale di copertura della Bitcoin ha avuto un trend costante. Le sue letture hanno oscillato tra l’82 e il 51, per lo più su un orizzonte temporale di cinque anni. Negli ultimi 12 mesi è rimasto stabile sopra il ’71‘.

È interessante notare che Bitcoin ha ottenuto un perfetto ‚100‘ su un orizzonte temporale di 12 mesi nella settimana dal 10 al 16 maggio 2020. La mossa ha coinciso con il terzo „dimezzamento“ della criptovaluta – un evento che periodicamente dimezza la sua offerta giornaliera, aumentando ulteriormente la sua scarsità nei confronti delle monete fiat.

UNA BUONA NOTIZIA BITCOIN, DOPOTUTTO

Hans Hauge, il responsabile della strategia quantitativa di Ikigai Asset Management, con sede a Los Angeles, considera l’assente ‚Bitcoin‘ interesse contro il suo prezzo in aumento come una buona notizia. Egli ha osservato che le letture più basse della parola chiave ‚bitcoin‘ mostrano che la crittovaluta è più matura.

„Questa non è la cima di una mania indotta da una bolla, è ordinata e silenziosa“, ha spiegato il signor Hauge mentre confrontava l’andamento del 2017 con quello attuale. „Il prossimo picco di Google Trends farà sembrare l’ultimo come niente, perché è stato Bitcoin“.